News Scuole

La rivista delle Scuole Santa Maria

Si tratta di un periodico annuale
che racconta la vita della scuola attraverso i suoi protagonisti: insegnanti, allievi e genitori. 

News Scuole 2021-2022

Aprire una strada

 

 

 

 

 

30 anni fa, per iniziativa di un gruppo di genitori e insegnanti, nasceva la nostra scuola media LA TRACCIA!

In questo numero:

Un bene prezioso


Marco Squicciarini, direttore delle Scuole Santa Maria

Trent’anni fa nasceva la nostra scuola media La Traccia. Il desiderio condiviso di genitori e insegnanti di un luogo che avesse a cuore l’educazione della persona attraverso l’insegnamento di materie veniva accolto dall’ospitalità delle suore della Santa Croce di Menzingen, che chiudevano la centenaria avventura dell’Istituto Santa Maria. Dallo stesso desiderio e dalla bontà di tredici anni di esperienza veniva alla luce, nel 2005, la scuola elementare La Caravella: perché incontrare allievi e famiglie all’inizio del percorso è desiderabile. E perché un metodo e una cordialità verso la conoscenza e verso gli adulti iniziano ben prima dell’età critica dell’adolescenza. Iniziano in famiglia e continuano, se la scuola si concepisce luogo di educazione, sui banchi e nelle aule. Cosa ci muove oggi, dopo questo pezzo di storia che ha edificato tanti allievi, ha accompagnato tante famiglie, ha visto crescere numerosi insegnanti  (alcuni dei quali ex-allievi)?
Quest’anno ho avuto l’occasione personale di lavorare con un allievo per sostenerlo nelle sue fatiche scolastiche. Una delle tante occasioni, nata per necessità, di entrare nel vivo della relazione educativa e didattica che ogni insegnante vive quotidianamente. La tentazione è, ogni volta, quella di arrendersi ai limiti, alla contabilità di ciò che sembra impedire il cammino della conoscenza. Invece accade puntualmente che una strada si apra, che si intravveda la possibilità di scoprire insieme la via che può portare alla meta ultima: la soddisfazione di imparare e la gioia di crescere. I limiti ci sono, ma sono la condizione che rende possibile, personale e attuale questo cammino. Basta chinarsi sull’altro, allievo o classe che sia, con fiducia e stima, desiderosi di scoprire questa strada nuova adesso. Un’altra occasione mi è stata data durante una visita ad una lezione nella scuola elementare quando un’allieva ha alzato la mano per chiedere all’insegnante: “ma è vero?”. Voleva sapere se il racconto del fine settimana proposto da quest’ultimo fosse realmente accaduto. Era un racconto per introdurre un argomento di studio. Che domanda potente! I nostri allievi ci chiedono di essere presenti con tutto noi stessi mentre insegniamo. Esigono la carne e il sangue di una persona vera, viva, che è veramente presente nella relazione educativa.
Mi colpisce molto quando questa presenza umana integrale si gioca e si esprime nella lezione, investendo la didattica per raggiungere gli allievi. Perché nella scuola il compito è questo: educare insegnando. Non solo educare e nemmeno solo insegnare. I due poli sono legati, pena una perdita di umanità o la riduzione dell’esperienza a mero scambio di informazioni. Un’allieva ha portato dalla Russia una copia magnifica del quadro di Rembrandt “Il ritorno del figliol prodigo” dedicato ad una parabola evangelica (Luca 15, 11-32), che avevamo già guardato a lezione. Ci eravamo lasciati interrogare da questo abbraccio inconcepibile per la misura umana, eravamo penetrati nel testo per capirlo, scandagliarlo. Ora ogni giorno abbiamo l’occasione di lasciarci guardare da quel perdono accogliente di cui siamo bisognosi. Cosa dicono questi fatti? Cosa significano di fronte ai grandi problemi che la scuola vive? Cosa c’entrano con la discussione sulla riforma dei livelli in matematica e tedesco? Come illuminano la sfida dell’inclusione cui la scuola faticosamente tende? Come rischiarano i problemi che entrano nella scuola in un tempo in cui l’emergenza educativa è sotto gli occhi di tutti? Mi pare che ogni passaggio, grande o piccolo, istituzionale o individuale, debba incardinarsi sulla consapevolezza di chi è il soggetto umano. L’individuo, fatto per conoscere e scoprire, esige questa ampiezza di testimonianza, questa totalità di umana presenza. Ci chiede, per muoversi, di esserci. Ci chiede di esigere tanto, senza accontentarsi. Ci chiede di essere guardato. Di essere aperto al nuovo che può accadere a lezione. Di amare la nostra materia. Ci chiede di essere disposti a cambiare e a commuoverci, adesso, davanti a lui. L’insegnante ha ogni giorno una grande occasione: riscoprire nelle pieghe della propria umanità la verità e la consistenza dell’io, per affacciarsi alla relazione educativa in modo persuasivo e affascinante. Solo così potrà diventare un educatore ogni giorno, di nuovo. Siamo grati a queste scuole, che hanno permesso lo spettacolo di questa consapevolezza e di questa crescita. E ci auguriamo che questo cammino, se Dio lo vorrà, possa proseguire per toccare e muovere altri nella scoperta del bene più prezioso che possiamo guadagnare e consegnare alla storia: l’educazione.

Volute ogni giorno, da 30 anni


Pietro Croce, presidente dell’Associazione Santa Maria

Per iniziativa di un gruppo di genitori e insegnanti, 30 anni fa si costituiva a Bellinzona l’Associazione Santa Maria. Il desiderio che esprimeva era quello di creare un soggetto educativo nuovo, allineato ai programmi scolastici cantonali, ma portatore di un modo diverso di fare scuola, fondato sulla consapevolezza che la realtà è positiva e ogni allievo è prezioso e unico. Concretamente, il progetto era quello di fondare una scuola di qualità, sia sul piano didattico, sia sul piano dei rapporti umani, capace di valorizzare i talenti e le specificità di cui ciascuno è portatore; un luogo in cui l’esperienza dell’imparare e l’esperienza dell’insegnare fossero un’avventura meravigliosa, in cui si costruisse per prima cosa la solidità dell’umano e dove i giovani potessero crescere sentendosi voluti bene. Così nel 1992 è nata la scuola media Traccia, cui si è aggiunta, qualche anno dopo, la scuola elementare La Caravella. Queste scuole sono oggi conosciute come Scuole Santa Maria, il cui nome si rifà a quello dello storico Istituto nel quale hanno sede e al tempo stesso richiama la tradizione cattolica nella quale la loro proposta educativa si inserisce; è però anche segno della devota gratitudine per il “miracolo” che ogni giorno accade fra quelle mura: il miracolo di un’opera che da 30 anni si genera e continua a fiorire per la scelta, libera e mai scontata, di molte persone. Anzitutto dei docenti e dei collaboratori che decidono di lavorare nelle nostre scuole e non altrove per l’esperienza umana e professionale che possono fare; dei genitori che vogliono poter contare su una stretta alleanza tra scuola e famiglia e che investono nell’educazione dei loro figli, pagando una retta a costo talvolta anche di sacrifici, certi di offrire loro, in questo modo, un luogo di crescita positivo; dei molti amici, volontari e benefattori che credono valga la pena spendersi per sostenere una scuola che educhi i giovani a guardare alla realtà come a un dono degno di essere vissuto, capito, studiato, indagato, ogni giorno. Queste scuole esistono quindi perché sono volute continuamente. Esistono cioè per la libertà che portano. Siamo grati a tutti coloro che in questi 30 anni di storia hanno contribuito a generare un’opera così preziosa e bella, giocando la loro libertà, mettendo in campo la loro passione e molte risorse. Oggi abbiano di fronte una realtà affermata e apprezzata in tutta la regione. Centinaia di famiglie del Bellinzonese e delle Tre Valli, talvolta anche del Sottoceneri, le hanno scelte. Fra gli allievi di oggi ci sono i figli di allievi della prima ora, che guardano grati al percorso fatto da noi. Anche questo segna la storia di quest’opera, della cui bontà, dopo 30 anni, restiamo assolutamente certi.

Educare insieme, scuola-famiglia

Gregorio Schira, genitore

Pinco Pallino! così risposi a mio padre, 30 anni fa, quando mi chiese come mi sarebbe piaciuto si chiamasse la nuova scuola che insieme a un gruppo di amici stava fondando. Fortunatamente non mi ascoltò… e così nacque La Traccia. A quel tempo, ragazzino di quinta elementare, non avevo evidentemente idea di cosa stesse succedendo. Men che meno mi chiedevo il perché di quello che i miei genitori stavano facendo. Ma (questo lo ricordo bene) percepivo l’entusiasmo, la voglia di fare, la gioia di un’opera che nasce. Oggi sono io ad accompagnare i miei figli in quelle aule. E forse soltanto ora, da genitore, riesco a cogliere davvero l’importanza di un luogo come questo. Per i miei figli, per la mia famiglia. Per me. Perché questo cammino, iniziato tre anni fa, educa anche me. Il punto – ci ha spiegato la psicologa Nicoletta Sanese nell’incontro organizzato dall’Associazione Santa Maria lo scorso 26 novembre – è come armiamo i nostri figli per il momento in cui diranno “io”, cosa mettiamo nel loro zaino. Cosa stiamo dando loro? Solo un insieme di regole oppure un modo nuovo di guardare alla realtà? Solo una serie di istruzioni o uno sguardo positivo sulla vita? “Come un genitore guarda suo figlio, così suo figlio è”, ci ha detto ancora Nicoletta Sanese. E qui entra in gioco l’alleanza tra scuola e famiglia (titolo dell’incontro). Perché i figli crescono, imparano, maturano se scuola e famiglia camminano insieme. Se tra i due soggetti educativi vi è lo stesso sguardo sul bambino. Se genitori e maestri (senza la pretesa di sostituirsi gli uni agli altri) diventano come i due argini entro i quali il fiume (il bambino) può e deve scorrere, sentendosi totalmente al sicuro. È proprio questo ciò che io e mia moglie stiamo sperimentando alla Caravella. Una totale fiducia nella scuola, nonché la totale fiducia della scuola in noi. Tanto da poter confidare ai docenti (e viceversa) le difficoltà quotidiane, le preoccupazioni, le paure dei nostri figli. Per confrontarci, aiutarci, crescere insieme. Tutto ciò sta dando frutto. Non c’è giorno (nonostante le fatiche) in cui i bambini non abbiano voglia di andare a scuola. Non c’è giorno in cui non tornino felici di qualcosa che hanno fatto. Non c’è giorno in cui non siano sereni, anche perché certi (come ci ha insegnato ancora Sanese) Educare insieme: scuola-famiglia Gregorio Schira, genitore che noi genitori siamo a casa a fare il tifo per loro. È evidente, per noi, che in questo luogo vengono guardati, compresi, aiutati nello stesso modo con cui li guardiamo, li comprendiamo e li aiutiamo noi: volendogli bene. Ora qualcuno potrebbe obiettare: ma il compito della scuola non è quello di voler bene, è quello di educare. Ebbene, io credo che non sia possibile educare senza voler bene. Cioè senza volere il bene dell’allievo. Solo così, infatti, lo si può accogliere nella sua libertà, nel suo modo di essere, nella sua totalità. Adesso capisco cosa mosse i miei genitori e i loro amici trent’anni fa. Capisco cosa spinge ancora oggi tanti genitori (e non solo) a impegnarsi in quest’opera. Il desiderio che esista un luogo così. Dove ci si guardi (maestri, allievi, genitori) con questa libertà e con questa stima, dove la realtà continui ad essere la guida, e dove lo scopo non sia soltanto la meta, ma il viaggio stesso.


News Scuole

in attesa del prossimo numero

News Scuole

in attesa del prossimo numero

News Scuole 2021-2022

Una scuola mai distante



In questo numero:

Il dono di una presenza


Marco Squicciarini, direttore

Quest’anno la scuola lavora a porte aperte. Per arieggiare le aule, in ossequio alle norme sanitarie che ci ricordano la presenza del virus, si lavora così. Girando per i corridoi della Traccia e della Caravella trovo così risposta ad una domanda ricorrente nei colloqui con genitori o insegnanti che approdano alle nostre scuole: che scuola è questa? Quale qualità specifica la distingue? Una domanda per nulla scontata che, a tratti, affiora anche in me e che esige una risposta documentata, non astratta, fondata su fatti. Le porte di quelle aule si aprono su finestre a loro volta spalancate: quelle a cui si affacciano di nuovo, ogni giorno, studenti e insegnanti, per ammirare, scoprire, conoscere la realtà. Il primo luogo che qualifica la scuola è questo: la cura della lezione come luogo di apertura verso quel reale che incuriosisce, che chiede un percorso per essere guadagnato, che ci invita ad essere scoperto. Per questo, da anni, ci prendiamo cura del lavoro scolastico: in classe, fuori da essa, nei doposcuola, nel lavoro dei tutor, attraverso l’incontro con testimoni, continuando ad imparare ad insegnare, correggendoci a vicenda… Gli ambiti che la scuola ha per esprimere questa cura sono molti e dipendono dalla creatività e dall’umiltà degli insegnanti e di chi dirige la scuola, fi no al comitato dell’Associazione Santa Maria, che gestisce le scuole.

Vi sono alcuni fatti, raccontati anche in questo News, che documentano questa cura: il lavoro sulla didattica in atto nella scuola elementare, ad esempio, ne è un segno luminoso. Come anche l’attenzione nuova che abbiamo messo a fuoco nella scuola media per aiutarci a sostenere il cammino degli allievi con difficoltà specifiche. Insomma, la nostra scuola vuole esprimere la sua qualità prima di tutto nello specifico del suo essere. Tutto qui? Non credo. Non ci può qualificare semplicemente dicendo che ci sentiamo bravi nello svolgere il nostro lavoro. Che ce la mettiamo tutta e che vogliamo bene agli studenti. Ci mancherebbe altro…! Si tratta soprattutto di esplicitare e riscoprire continuamente la radice di questo atteggiamento, affinché non resti l’esito di uno sterile sforzo moralistico che non tiene nel tempo. L’abbiamo chiaramente visto nella scuola a distanza: l’intensità, la comunione e la novità di quel lavoro non sono derivate da una strategia pianificata a tavolino.

Piuttosto dalla consapevolezza di essere, da anni, destinatari del dono di una presenza che ci raggiunge, ci edifica, ci educa, ci rende desiderosi di incontrare il prossimo. I 27 incontri ufficiali vissuti on-line tra marzo e giugno (sto contando i plenum, i consigli di classe e gli incontri con i genitori senza annoverare i colloqui individuali, le telefonate personali a studenti e genitori, gli incontri informali e le lezioni…) sono segni di questa consapevolezza: siamo destinatari del dono di una presenza. Noi adulti, anzitutto, siamo raggiunti da qualcosa che ci spinge a comunicare all’altro, con fiducia, che vale. Siamo padri perché fi gli. Generativi perché continuamente generati. Cosa significa, per uno studente, questa presenza? Dove un insegnante la può sperimentare? È prima di tutto una comunione che si vede. Un luogo in cui è d’uopo aver cura dell’essere (per dirla con Alfredo che parla con amore a Violetta nella Traviata) che si può toccare con mano. Un insegnante che si ferma nei corridoi per discutere del metodo di studio o della partita di calcio della sera precedente. Un’amicizia che si può vivere nel luogo di lavoro. Un ambito nel quale posso portare con fiducia tutto me stesso, la mia fatica nelle classi, il mio bisogno di scoprire i segreti del mestiere, le mie scoperte, le mie intuizioni…Tutto, di me, è accolto da questa presenza che mi è donata.

A pensarci bene questo dono è all’origine storica di queste scuole ed è l’unica ragione per cui val la pena che continuino ad esistere. I fondatori, così ci raccontano, sono stati mossi da una presenza che li ha convinti ad esplicitare questa cura dell’essere nell’ambito scolastico. Una Presenza che si è manifestata nella storia oltre duemila anni fa, attraverso il fatto cristiano. Una presenza che può incontrare chiunque, dovunque venga, indipendentemente da tutto. Continuiamo a desiderare queste scuole, luoghi in cui si possa sperimentare la cura del proprio essere grazie al dono di una presenza da riscoprire, ogni giorno, nel suo valore profondo.

Una scelta consapevole


Pietro Croce, presidente dell'Associazione Santa Maria

Il contesto che stiamo vivendo è di quelli inediti. Ne siamo tutti coscienti, eppure sembriamo spesso incapaci di stare di fronte fi no in fondo a quello che sta succedendo, come protesi verso un incerto ma più propizio “dopopandemia”. Il crescente malcontento, testimoniato anche dalle sempre più frequenti manifestazioni di piazza contro le limitazioni imposte delle autorità, ma anche un più composto lamento per la “malasorte” toccata al mondo in questo tempo di Coronavirus sembrano sostenuti solo dalla speranza che prima o poi ne usciremo. “Andrà tutto bene” pareva ad alcuni la miglior cosa da dire durante la prima fase della pandemia: una frase ripetuta quasi come un ritornello, che ora, di fronte alla seconda ondata, scaramanticamente non si osa nemmeno più pronunciare. C’è chi si arrabbia per la mancanza di libertà e c’è chi semplicemente attende in silenzio tempi più favorevoli. Eppure una situazione di difficoltà come quella che stiamo attraversando già ci ha permesso di vedere più chiaro: è una sorta di lente di ingrandimento sulla vita di tutti i giorni, che ci aiuta a mettere a fuoco quello che, per ciascuno di noi, vale veramente. Anche una pandemia, con tutte le incertezze e le limitazioni che porta, può allora diventare un’occasione per cogliere una bellezza inaspettata, capace di farci crescere e di renderci più certi. Mi ha molto colpito nei giorni scorsi il papà di un ragazzo adolescente che mi diceva di essere preoccupato per le “tante occasioni perse” per suo figlio a causa del Covid, “in un’età che non tornerà più e che il ragazzo non si può godere come dovrebbe”, come se le giornate che stiamo vivendo fossero, per via delle limitazioni, un tempo sprecato e, in definitiva, una grande ingiustizia incapace di generare qualcosa di buono.

Se penso alle nostre scuole, l’esperienza fatta negli ultimi mesi – difficili quanto volete – è un’altra. La pandemia, con tutte le connesse complicazioni, ha posto una volta di più la sfida della libertà, intesa come la capacità di stare di fronte a quello che la realtà ci chiede, di riconoscere, anche nelle circostanze più travagliate, ciò che di buono la vita ci riserva. Ci accorgiamo subito di essere meno distratti e più desiderosi di giornate piene di gusto, mai banali. Nel far fronte alle preoccupazioni che emergevano durante il lockdown, con il temporaneo congelamento delle iscrizioni, il successivo aggravamento della situazione economica di alcune famiglie di nostri allievi, le spese impreviste per garantire la sicurezza a scuola, siamo diventati ancora più consapevoli delle ragioni per le quali ogni giorno ci impegniamo per proporre una scuola che abbia a cuore il destino di ciascun ragazzo. Vedere famiglie che hanno scelto per i loro figli le nostre scuole, pur nell’incertezza e nelle fatiche del momento, perché colpiti da una proposta educativa che non toglie nulla al valore della realtà, in ogni circostanza, ci dice che la vera libertà è possibile anche in un tempo in cui ai nostri ragazzi è chiesto di andare a scuola con la mascherina, in cui non possono fare la festicciola con i compagni o incontrarsi a cena con gli amici. Siamo liberi non se inseguiamo un’illusione di libertà, ma solo se facciamo esperienza di un bene. Per un genitore non vi è libertà più importante di quella di poter scegliere l’educazione che vuole per i propri fi gli; nella scelta consapevole della scuola egli si sente allora veramente libero.

Un confronto che fa crescere

 

Laura Delcò, maestra di IV elementare

A partire dallo scorso anno, mensilmente, il direttore e Nadia Schira-Bianchi (collaboratrice didattica) entrano nelle classi per osservare due ore di lezione a cui segue un colloquio per discutere insieme degli aspetti emersi durante l’attività svolta. Inizialmente ho avuto la tentazione di pensare che fosse unicamente un momento di giudizio del mio operato. Nasceva quindi in me la preoccupazione di dover concepire e realizzare una lezione alla perfezione, affinché non emergessero i “punti deboli” del mio insegnamento. Ben presto mi sono però resa conto che il valore e lo scopo di questa proposta era tutt’altro. Ne ho avuto la chiara conferma a un certo punto dell’anno scorso, il mio primo anno, quando mi sono trovata a gestire alcune situazioni complesse che rendevano difficile il lavoro in aula. Proprio quando avrei potuto preferire che nessuno venisse a vedere una mia lezione, perché secondo me non stavo riuscendo a svolgere la mia professione come avrei voluto, mi sono riscoperta ad aspettare la visita didattica. Non avevo la preoccupazione di nascondere nulla, al contrario, speravo che anche Marco e Nadia potessero vedere la realtà e a partire da essa iniziare un dialogo con loro per capire come affrontarla. Durante la lezione erano effettivamente emersi tutti i problemi di quel periodo, eppure ero serena nell’affrontare il colloquio, certa che proprio da lì si poteva ripartire per ricostruire un clima di lavoro che permettesse ai bambini di imparare. Grazie alle loro osservazioni e ai loro suggerimenti ho infatti potuto cominciare un lavoro su determinati aspetti legati al mio LAURA DELCÒ, maestra di IV elementare modo di agire in classe, che mi hanno permesso di crescere professionalmente. Questo regolare confronto è uno stimolo a non dare nulla per scontato e il metodo che mi viene proposto di seguire mi ha portato a riconoscere l’importanza di ogni singolo aspetto della didattica. In questi mesi sono stata guidata e aiutata da Nadia e Marco a prestare la giusta attenzione ai dettagli, a partire dai contenuti delle lezioni fi no alla disposizione dell’aula, e con la loro esperienza mi hanno testimoniato che è proprio questa cura al dettaglio che permette ai bambini di crescere. Oltre ad essere un aiuto per migliorare e correggersi, è anche l’occasione per riconoscere i passi della classe e dei singoli allievi; spesso infatti non è immediato vedere i progressi e individuare gli elementi che hanno favorito questi miglioramenti. Il confronto con uno sguardo esterno è di grande aiuto e mi permette di conoscere meglio i miei alunni, senza correre il rischio di restare ancorata a un’immagine che mi sono costruita con il tempo. Le visite didattiche, come i plenum con tutto il corpo docenti, rispondono al bisogno di condividere quanto succede all’interno dell’aula con altre fi gure che lavorano nella scuola.
È per me sempre più evidente che ciò che propongo quando sono in aula da sola con gli alunni, non è mai unicamente il risultato del mio lavoro personale, ma è frutto di un continuo confronto con i colleghi e il direttore.
Questo aspetto mi permette di crescere insieme ai miei allievi e essere sempre più consapevole di ciò che voglio insegnare ai bambini ogni giorno quando entro in classe.

Scuola a distanza

Tra marzo e maggio 2020 la scuola è rimasta chiusa ma ha continuato il suo lavoro a distanza. Di seguito il racconto dell’esperienza di quel periodo da parte di chi l’ha vissuto da protagonista.

 

Laura Bestenheider, docente di matematica alla Traccia

Insegno matematica alla scuola media La Traccia da ormai parecchi anni e posso dire che per me la situazione della scuola a distanza è stata sicuramente una bella avventura, impegnativa, appassionante, vissuta non da sola ma in compagnia (malgrado lo stato di confinamento).È stato proprio l’inizio ciò che mi ha colpita di più, perché la mattina dopo la chiusura delle scuole noi docenti eravamo già sul piede di guerra, tutti convocati dal direttore per un plenum straordinario. Ancora più eccezionale è stato il fatto che fi n da subito non ha prevalso il lamento per la difficile situazione ma piuttosto la tensione alla ricerca di nuove soluzioni per poter continuare a distanza il nostro lavoro di insegnanti. Durante quel plenum si è visto chiaramente che tutti avevamo a cuore il bene dei ragazzi e delle famiglie e che per questo, davanti alla domanda: “ma come fare per poter continuare a fare scuola in questa situazione?” emergevano tante proposte. Pian piano hanno preso forma concreta nell’ipotesi di utilizzare una nostra piattaforma per coinvolgere gli allievi in una didattica efficace. Le prime due settimane di scuola a distanza sono state intensissime: anche se emergevano questioni e problemi, si continuava sempre a lavorare insieme, confrontandoci durante i plenum e i consigli di direzione online. Questa unità fra gli insegnanti, che già esisteva nella nostra scuola e che è sempre stato il punto forza del nostro lavoro con gli allievi e le famiglie, si è andata così rafforzando e approfondendo, mostrando man mano il suo volto migliore perché giorno per giorno ci veniva chiesto dichinarci sui problemi e di essere disponibili ad aiutare allievi e genitori in difficoltà.

Credo che questa esperienza abbia lasciato un segno molto positivo in noi docenti ed anche in alcuni allievi, divenuti finalmente protagonisti del loro mestiere di studenti: c’è stato chi ha aiutato fi n da subito con consigli ed osservazioni per migliorare lo scambio di materiali on-line fi no a chi timidamente si è risollevato da difficoltà che prima sembravano insormontabili. E chi faceva veramente fatica ad agganciarsi non veniva lasciato solo in una terra di nessuno perché non ci si stancava mai di cercarlo, di stanarlo, ricevendo a volte in cambio il dono più bello che a mio avviso si possa ricevere nel mestiere dell’insegnante: l’incontro fra la mia umanità e quella dell’allievo.

 

Rossana e Giuseppe Pincolini, genitori

Chi l’avrebbe mai immaginato? Eppure come tutti, il 16 marzo anche noi genitori ci siamo trovati catapultati nella didattica a distanza o DAD come qualcuno l’ha battezzata. Il primo fondamentale dato di gratitudine, in quello strano periodo, è stata la presenza tangibile della scuola dei nostri figli, che non si è tirata indietro. Fin dal primo giorno del lockdown, con il video del Direttore, ha mostrato di sapersi riorganizzare per non far perdere loro nemmeno un giorno di scuola. A noi genitori come ai nostri fi gli è stata da subito chiara la certezza della direzione e degli insegnanti che la bellezza e la positività dell’imparare andassero cercate e riconosciute anche nel periodo del confinamento. A marzo avevamo una figlia che frequentava la terza elementare alla Caravella, una che frequentava la seconda media e un figlio che stava concludendo la quarta media, entrambi alla Traccia. Noi, essendo insegnanti, eravamo molto sollecitati dal nostro lavoro. La scuola a casa dei nostri figli ci ha permesso di ritrovare, reiventandola, una sorta di ordinarietà, in giorni che di ordinario avevano molto poco. Al mattino arrivavano le indicazioni di lavoro della maestra o dei diversi docenti e questo aiutava a strutturare in modo positivo e costruttivo il tempo dell’intera giornata. Il bello è che ogni giorno era una sorpresa nuova, grazie a video, audio, attività a distanza o lezioni in asincrono e sincrono. Nel giro di qualche tempo non solo i due più grandi ma la minore erano in grado di gestire in autonomia Google Drive, Zoom e Mail, di fare la foto al compito svolto con il tablet, caricarlo nella cartella corretta, collegarsi o preparare un podcast o un video per i compagni. Se, forse, in termini di contenuti d’insegnamento si è dovuto tagliare selezionando i contenuti essenziali, il periodo ha costituito per i ragazzi, grazie alle proposte della scuola, un grande arricchimento in termini di competenze digitali, di autonomia e di auto-organizzazione.
In fondo eravamo un po’ a scuola a distanza con i nostri fi gli anche noi! Quello che abbiamo apprezzato di più, oltre al grande impegno dei docenti, è stata sicuramente la loro creatività! Hanno cercato tutti di essere coinvolgenti e stimolanti nonostante le condizioni. Tutti… persino il docente di ginnastica ha proposto film dedicati allo sport per continuare a coltivare, a distanza, l’amore per la sua disciplina. Dalla maestra arrivavano ogni settimana dei video in cui lanciava sfide logicomatematiche, dava istruzioni per attività creative o, travestita da nonna, proponeva delle letture. Per nostra figlia era una festa! La maestra ha saputo salvaguardare anche la dimensione concreta e sperimentale del fare scuola, così fondamentale alla scuola elementare. Ogni settimana proponeva un “esperimento scientifico”. Le istruzioni, via mail, erano percepite da nostra fi glia quasi fossero dei protocolli sperimentali. Con tutta la serietà di una “giovane scienziata” si adoperava per scovare in casa pentolini e strumenti per poi osservare e studiare i fenomeni proposti. Quello che ha raccolto il maggior successo è stato l’esperimento dell’evaporazione dell’acqua. Abbiamo ospitato in camera da letto per più di una settimana diversi contenitori riempiti con la stessa quantità d’acqua. Ogni sera a cena la minore raccoglieva scommesse tra i suoi fratelli su quale di essi sarebbe rimasto prima senza liquido. Era davvero divertente! Per amore al vero, come genitori non è sempre stato semplice. Portare il peso di tutto, dentro alla complessità e alla drammaticità di quello che stavamo vivendo, ci ha impegnati molto. Non sempre siamo riusciti a distinguere propriamente il nostro ruolo di padre e madre da quello di insegnanti o rispettare la necessaria autonomia dei nostri fi gli, aiutandoli al contempo a non “perdersi dei pezzi per strada”. Tuttavia, a posteriori possiamo dire di avere vissuto un’esperienza molto significativa. Abbiamo avuto l’opportunità di accorciare le distanze con la scuola. Abbiamo conosciuto più da vicino i loro insegnanti e le discipline che studiano e anche se in condizioni del tutto straordinarie, abbiamo potuto apprezzare con gratitudine un po’ della bellezza dell’esperienza che essi vivono ogni giorno a scuola, in presenza.

 

Uno sguardo nuovo


Daniela Marletta, docente di inglese alla Traccia

Lo scorso anno scolastico ho lavorato come docente di inglese alla scuola media La Traccia. È stato un anno denso di avvenimenti, molto ricco sia da un punto di vista professionale che umano. A marzo, all’inizio dell’insegnamento a distanza, mi sono sentita destabilizzata. Io che credevo di avere ormai il controllo di tutte le strategie per insegnare la mia materia in modo efficace, mi sono trovata davanti una sfida: “È possibile vivere in modo umano questa circostanza? C’è un bene per me adesso, che posso comunicare anche ai miei allievi?”.

La risposta è arrivata concretamente, guardando i volti dei miei colleghi con cui è iniziato fi n da subito un lavoro di confronto quotidiano via Zoom. In particolare, con la mia collega di inglese, ormai amica, si è intensificato il lavoro comune che già avveniva nella didattica in presenza. C’è stato un continuo richiamo alle ragioni per cui proporre o meno un’attività, un aiuto reciproco a strutturare una lezione o un lavoro che fosse utile per i ragazzi e con uno scopo preciso, guardando a tutti i fattori e non solo a quello che avevamo in mente noi. Inoltre, sono rimasta affascinata dall’attenzione, la cura e la passione per la realtà del nostro direttore. Inviava un video settimanale di saluti a tutti (allievi, famiglie e docenti), in cui condivideva con semplicità quello che aveva visto accadere nella settimana precedente; ogni lunedì proponeva una preghiera; oltre ai vari incontri con noi insegnanti, quasi quotidiani, ha registrato numerosi tutorial per spiegarci l’uso degli strumenti informatici. Tutto questo mi ha accompagnata passo dopo passo, con grande respiro e con gusto. Ho capito che non è questione di bravura o di performance, ma desiderio di imparare continuamente uno sguardo più vero e più bello per vivere ogni circostanza. Solo da questo sguardo nuovo possono nascere la creatività e la vivacità che mi hanno permesso di insegnare e continuare un rapporto umano con gli allievi, senza perdere nulla, anche a distanza.

A maggio, al momento della ripresa delle lezioni in presenza, ero molto desiderosa di tornare a scuola e rivedere i miei allievi. Mi ero preparata benissimo e attendevo questo “nuovo inizio” dopo due mesi di distanza. Appena entrata in classe li ho salutati con un sorrisone (ho alzato la mascherina perché potessero proprio vedere la mia contentezza), ho chiesto loro come stavano e se fossero contenti di essere tornati a scuola. La risposta è stata un silenzio assordante. Tutti zitti, impassibili, anzi direi quasi scocciati dalla mia domanda. Il mio entusiasmo si è tramutato in tristezza, le mie aspettative deluse. Questi ragazzi, che sono i più grandi, erano come intorpiditi, apatici, spenti. Nel dialogo con loro è emerso un disagio. La realtà che avevano davanti non era quella che si aspettavano o che avrebbero desiderato: niente gita, niente festa di fi ne anno, classe divisa in due gruppi e quindi magari non erano con i propri amici, la distanza, il non potersi abbracciare e noi insegnanti “poliziotti” per far rispettare le regole. Allora tanto valeva non ritornare, sebbene alcuni di loro mi avessero detto durante la didattica a distanza che erano spesso annoiati e stanchi di stare in casa. Mi è stato evidente che l’atteggiamento dei miei ragazzi nascondeva in realtà una grande domanda di senso, forse soffocata dalla delusione, ma presente. E ancor più immediato è stato accorgermi che era anche la mia. Infatti anch’io, pur con tutta la voglia di ripartire, mi chiedevo: “Perché vale la pena ricominciare in condizioni che a volte mi sembrano assurde, con tante complicazioni e attenzioni come richiamare i ragazzi di continuo (che fatica!) e mantenere distanze di cui neanch’io spesso ho la percezione?” Questa mia domanda però era accompagnata da una grande fi ducia in un bene che c’era stato e che era tutto da riscoprire. Infatti non basta aver fatto esperienza del bene una volta, com’è accaduto a me durante il periodo di lockdown. Bisogna che continui a riaccadere nel presente! Dopo aver condiviso con gli allievi la mia esperienza e le mie domande, ho proposto loro di continuare a fare quest’altro piccolo pezzo di strada insieme, desiderando un’apertura del cuore a lasciarsi sorprendere dalla realtà che ci viene data da vivere, coscienti che non siamo soli. Bene, la prima sorpresa è stata la mia quando la settimana successiva entrando in classe sono stata accolta da 11 sorrisi. I miei ragazzi si sono come risvegliati, si sono coinvolti e ci siamo proprio gustati la lezione assieme. Poi la mia collega ha proposto di svolgere un’ora di lezione in giardino. Un’altra piccola novità rispetto al mio e loro schema della giornata e ancora una volta è stata sorprendente l’adesione dei ragazzi a qualcosa di bello pensato per loro. Sono molto grata di questa esperienza: ho preso più coscienza di me, dei ragazzi e di un modo nuovo di vivere la realtà, qualsiasi essa sia, con la certezza di un Bene grande che non ci lascia soli.

La Traccia... e poi?

Mi chiamo Giona Scheggia e attualmente sono apprendista al primo anno come meccanico di produzione all’aeroporto militare di Lodrino (RUAG). Ho trascorso, purtroppo, solo la quarta media alla Traccia che mi è stata di grande aiuto, sia a livello morale che a livello scolastico. Mi hanno insegnato che cosa vuol dire veramente “imparare” ma specialmente ho conosciuto persone speciali che non dimenticherò mai e ho trascorso momenti indimenticabili da ricordare con un grande sorriso sul viso. La Traccia mi ha guardato per la vera persona che sono e non solo per la mia difficoltà a livello scolastico, questo è stato il mio trampolino di lancio per stimolare quella voglia di imparare che dopo otto anni era ormai passata. Per questo un grande grazie va ai docenti che mi hanno capito e aiutato, ai compagni che malgrado i vari intoppi trascorsi mi hanno portato ogni singolo giorno a guardare le cose in maniera positiva e sorridere. Ma soprattutto grazie a tutte quelle persone che mi hanno insegnato a capire veramente che cosa vuol dire amare ed essere amato. Vi ricorderò sempre con grande gioia e affetto.

News Scuole 2019-2020

Accompagnati a scoprire la realtà

In questo numero:

- Strade in festa
- Volute, fino in fondo
- Nadia, una presenza nell'anima
- Un'intesa... che si respira!
- Finalmente il silenzio che ci unisce
- Quando la scuola è diffiicile
- Per imparare...
  abbiamo tutti bisogno di amore
- Incontri a scuola:
  una grande testimonianza
- Quei martedì di libertà
- Prime impressioni
- La Traccia... e poi?

News Scuole 2018-2019

Sulla Caravella segui la giusta Traccia

In questo numero:

- Chiamati per nome
- Costruire l'umano
- Angela, un ricordo del direttore
- I tesori di Bellinzona...
  raccontati a un Piccolo Principe
- Un'ex allieva diventa maestra
- Incontri a scuola: gli allievi
  incontrano il vescovo Valerio,
  i genitori incontrano gli insegnanti
- La Traccia... e poi?
- La civica a scuola
- Un sito web

News Scuole 2017-2018

Quale scuola? Una scelta non scontata

In questo numero:

- Tu sei speciale
- Una scelta mai scontata
- Ciao Pepi!
- Un cammino: storia di un'adozione
- L'ora di religione
- La gioia di donare
- Grazie maestra!
- Una mostra di sculture e pitture
- I manifesti turistici svizzeri:
  un viaggio della IIa media
- Il kangourou della matematica
- La IV media a processo

News Scuole 2016-2017

Orizzonti aperti: la scuola che c'è

In questo numero:

- Che scuola vogliiamo
- Lo scopo della scuola
  è il bene dei ragazzi
- Una dolce novità
- La mattina delle professioni
- Una classe che cresce
- Visita ai castelli di Serravalle:
  lo storico fa parlare cose mute
- L'Elvezia in cammino
- Allargare l'orizzonte
- A scuola di giornalismo
- La segretissima notte del racconto
- Romeo

News Scuole 2015-2016

Eppure l'uomo tenderà sempre al bene

News Scuole 2014-2015

Una vita che cresce

News Scuole 2013-2014

Condividere un'opera

News Scuole 2012-2013

Educarsi ad accogliere

News Scuole 2011-2012

Un'intuizione diventata storia

News Scuole 2010-2011

Lo stupore che fa crescere

News Scuole 2009-2010

Un luogo da dove guardare al mondo

News Scuole 2008-2009

Protagonisti della vita

NEWSLETTER

Per essere sempre aggiornato sulle nostre iniziative

SEGUICI


© Tutti i diritti riservati. | Powered by MEKKO